Blockchain significato e che cos’è, composizione e innovazione tecnologica

Formazione

Noi tutti abbiamo conosciuto il termine Blockchain, grazie al clamore che circonda le criptovalute. Virtualmente, ogni risorsa crittografica costituisce la propria blockchain, e ciascuno è destinato a servire mercati diversi.

La blockchain di Bitcoin è stata la prima. I problemi di ridimensionamento di Bitcoin, impedivano la creazione di altre applicazioni. Sono quindi nate altre blockchain come Ethereum ed EOS.
Per alcuni, Blockchain è costituito solo da blocchi transazionali, ma non è completamente vero.

La Banca dati è una componente fondamentale della blockchain

La più grande differenza tra un database blockchain e un database tradizionale è il livello di centralizzazione richiesto perché funzioni come previsto. Con un database centralizzato, l’obiettivo è garantire che i server rimangano il più vicino possibile l’un l’altro per garantire che i dati vengano trasferiti con la massima efficienza.
D’altra parte, i database decentralizzati rinunciano a questo desiderio di velocità in cambio dell’utilità aggiunta acquisita da un database a cui è possibile accedere con facilità da qualsiasi parte del mondo. Quando questa flessibilità è combinata con gli aspetti unici della sicurezza di blockchain, che assicurano che le informazioni non vadano da nessuna parte una volta entrati, e la sua capacità di ordinare facilmente i blocchi indipendentemente da dove provengono, si ottiene un nuovo sistema bancario rivoluzionario che è sicuro, autonomo e indipendente.
E’ possibile pensare a una blockchain che trasferisce la valuta nello stesso modo in cui Internet trasmette informazioni.

 

Potrebbe interessarti anche: Critica (s)ragionata sull’innovazione
Un elemento importante della Blockchain sono le Hash

I dati che sono memorizzati in ogni blocco di una blockchain possono essere suddivisi ordinatamente in due tipi; i dati che il blocco è stato creato per memorizzare e i dati sul blocco stesso. Una grande quantità di questi dati riguarderà naturalmente i dati che gli utenti aggiungono alla catena o le transazioni di criptovaluta che avvengono in associazione con una criptovaluta o l’altra. Quando un blocco è pieno e pronto per essere aggiunto a una blockchain, deve essere verificato da una terza parte per assicurarsi che sia legittimo.
Fatto ciò, il blocco viene quindi accettato nella blockchain, dopo essere stato crittografato tramite una funzione hash. In quanto tale, anche se un hacker ottiene illegalmente accesso ai blocchi con le informazioni personali in essi, sarà solo in grado di vedere la funzione hash.
Inoltre, questa funzione di hash funziona come un tipo di impronta digitale crittografica, il che significa che se una qualsiasi informazione nel blocco viene modificata, anche l’hash risultante cambierà.

 

Potrebbe interessarti anche: Come portare innovazione nella vostra organizzazione

L’hash più comunemente usato nella comunità blockchain è l’hash SHA256.

Una volta che un blocco fa parte della blockchain, il suo hash viene quindi aggiunto all’hash di quei blocchi attorno ad esso, e così via e così via, finché l’intera blockchain non ha un hash univoco, che viene aggiornato ogni volta che viene aggiunto un nuovo blocco alla catena. Se i dettagli di un blocco non corrispondono a quelli dei blocchi circostanti, il nuovo blocco non lo farà entrare nella catena.

Blockchain significato
Potrebbe interessarti anche: Economia dei dati e system integration IT: quale relazione?
Il processo dell’ albero di Merkle

L’ albero di Merkle è il nome dato a un processo blockchain che garantisce che i blockchain possano essere eseguiti in modo decentralizzato. È essenzialmente una matrice di funzionalità che consente alla blockchain di verificare che tutto sia intatto.
Inoltre, rende più facile l’interruzione di grandi transazioni finanziarie in blocchi che sono più facili da gestire. Questo consente agli utenti di seguire il flusso dei dati commerciali nel modo più semplice possibile.
L’hash che è la somma totale di tutti gli altri hash sulla catena è noto come hash di root. L’ albero Merkle è quindi in grado di verificare l’hash di root così come esiste rispetto all’hash di root più recente che è stato ufficialmente verificato, per determinare potenziali discrepanze.
Se vengono rilevate queste discrepanze, il processo viene avviato, garantendo che il processo generale non venga rallentato mentre il problema in questione viene gestito .

 

 

Ercole Palmeri

CV Ercole Palmeri

Temporary Innovation Manager

Associato Leading Network

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Metodi
Cos’è la realtà aumentata, e come possiamo sviluppare App

Con uno Smartphone in mano, puoi scattare selfie con orecchie da coniglio e lingue multicolori a Pokémon Go, da IKEA per vedere i mobili ambientati in casa propria. L’elenco potrebbe continuare: le app di realtà aumentata sono sempre più diffuse e non servono più solo per divertirsi o giocare, spesso …

Incontro Trieste MBA
Digitale
WEB REPUTATION E RICERCA DEL LAVORO: LA GRANDE SFIDA

Un tempo si temeva l’ascolto da remoto attraverso l’intercettazione ambientale o quella telefonica. Negli anni Novanta si fantasticava sulle sorti del pensiero distopico del grande fratello orwelliano divenuto così improvvisamente ingombrante con la realizzazione dell’apparato sorvegliante di Echelon. Tutti erano possibili bersagli ma nella massa, dietro l’ombra dei grandi numeri, …

Metodologia Agile
Digitale
Agile: Linee guida per l’applicazione della metodologia Agile

L’applicazione della metodologia Agile, richiede quindi un punto di partenza Ma da dove conviene partire per modificare la propria organizzazione e adattarla alla metodologia agile ?