Business Model, Leadership, Metodi, strategia

Lo spirito di Innovazione, la religione dell’Innovazione e il sogno

Trovo interessante studiare e analizzare le best practices…

Interessante sapere come un’impresa ha ottenuto determinati risultati, quale strategia ha adottato, incluse personalizzazioni e/o integrazioni per la loro realtà.

Spesso prendo nota, leggo libri e mi segno idee, le elaboro e le condivido nelle presentazioni o nelle riunioni.

Ho notato che spesso le persone pensano di sapere molte cose, e le vogliono condividere.Vogliono adattare le best practice nella loro organizzazione, ma in realtà non è sempre così semplice. Si cerca la scorciatoia, e quindi si preferisce emulare la vita di altri, si preferisce copiare un metodo perchè piace, ignorando i diversi contesti.

Invece di pensare alle proprie best practice, invece di pensare a come migliorarsi, spesso puntano a imitare…

Lo spirito di innovazione viene sostituito dalla religione dell’innovazione.

È passata la riflessione. È passato il processo di scoperta. È uscito la proprietà che viene con la nascita di nuove intuizioni. Al suo posto? Simulazione. Imitazione. E, troppo spesso, il cieco di soluzioni preconfezionate.

Non sto dicendo che non c’è valore nel prestare attenzione alle migliori pratiche di altre persone. C’è, sicuramente.

Ma quando l’imitazione sostituisce l’idea e l’elaborazione, qualcosa si perde sempre e l’innovazione svanisce.

 

“Fate un elenco di tutti i prodotti straordinari del vostro settore.

Chi li ha realizzati !

Come hanno fatto ?

Ispiratevi alla loro condotta e siete già a metà strada verso la creazione di un prodotto straordinario vostro”

La Mucca Viola, Seth Godin

 

A volte si cerca l’approccio creativo, gli imprenditori di successo sono quelli che non accettano l’emulazione e reinterpretano l’approccio tradizionale. Con un forte focus di lungo termine sulla soddisfazione totale dei bisogni del cliente. In linea generale però le aziende “veramente imprenditoriali” tendono ad usare l’esperienza e l’intuizione per crearsi nuove opportunità e gestire le relazioni con il mercato.

Le aziende orientate al mercato tendono ad essere guidate da un progetto-sogno piuttosto che dalla ricerca di un mercato tradizionale. Queste imprese dimostrano una maggiore imprenditorialità nel modo in cui definiscono, concretizzano ed implementano le proprie strategie.

E’ il sogno che distingue tra imprenditorialità e capacità manageriali.

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Condividi con noi:
Leadership, StartUp e Progetti, strategia

Come innovare il tuo business in modo efficace e con successo

L’innovazione è diventata importante per il successo delle imprese. La tecnologia ha reso più facile espandersi a livello globale, raggiungere un pubblico maggiore e aumentare notevolmente i profitti.

Nel mercato globale c’è concorrenza globale, per raggiungere il successo e mantenerlo, è necessario adeguarsi agli standard globali. Ciò significa che per tenere il passo, le aziende devono assicurarsi che siano innovative e in grado di fornire continuamente prodotti e servizi nuovi e interessanti.
Se stai lavorando per rendere la tua azienda più innovativa, qui sotto troverai alcuni suggerimenti e consigli utili:

Fermati, libera la mente, e ragiona

Questo può sembrare controproducente, ma chiedere ad un imprenditore di successo quali sono i suoi suggerimenti per l’innovazione, lui ti dirà fermati e pensa “out of the box“.

Quando sei stressato, non riesci a sviluppare le idee migliori. La pressione costante del lavoro può ridurre le tue possibilità di essere innovativo e di essere “out of the box”. Fermarti e liberare la mente per un po’, può fare una grande differenza. Aiuta a ricaricare il tuo cervello, libera la tua testa e pensa meglio ai modi per portare avanti l’attività e i suoi prodotti.

Assicurati di scegliere i partner giusti

Ci vuole una squadra di successo per avere innovazione di successo. Assicurati di scegliere bene i consulenti, e di avere un proficuo confronto di pensieri ed opinioni.

Segui al meglio i tuoi clienti

Uno degli errori più grandi che puoi fare è cercare di essere innovativo per emulazione. E’ positivo sviluppare un nuovo prodotto o un nuovo servizio, ma se non interessa ai tuoi clienti, sarà controproducente.

Tieni sempre in considerazione i clienti in fase di sviluppo di nuovi prodotti o servizi. La vera innovazione deriva dal dare al cliente ciò che vogliono prima di rendersi conto che lo vogliono.

Ingaggia personale innovativo

Alcune persone sono naturalmente più innovative di altre. Quindi, se hai problemi con la tua squadra, è arrivato il momento di investire in un nuove assunzioni. Verifica bene i candidati che possono traghettare la tua azienda in una nuova prospettiva.

I Millennials sono particolarmente predisposti all’innovazione, in quanto sono cresciuti in questa era digitale.

Successo Millennials

Se non puoi permetterti di assumere nuovi dipendenti, cerca di aiutare il tuo personale a liberare la loro creatività. Ogni singolo dipendente può fare la differenza se gli viene data l’opportunità.

In definitiva, l’innovazione è fondamentale oggi per le aziende che vogliono crescere e svilupparsi in un mercato globale. La capacità di sviluppare la tua azienda in nuovi mercati, è ciò che ti distinguerà dalla concorrenza.

Hai bisogno di uscire dalla tua zona di comfort, e impara a pensare Out of the Box.

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Condividi con noi:
Business Model, ecommerce, Leadership, Metodi, Modelli di business, SocialNetworks, strategia

I media il dominio di Google e Facebook e il mercato della pubblicità digitale

Il mondo dell’industria dei Media diventa ogni giorno più piccolo.

Il continuo successo dei titani di Silicon Valley Google e Facebook, che dominano il settore pubblicitario online, ha lasciato agli editori tradizionali sempre meno spazi in cui si trovano a lottare per dividersi gli scarti dei colossi.
Una nuova analisi del gruppo di ricerca Pivotal ha dimostrato che Google e Facebook rappresentano circa il 71% di tutte le vendite di pubblicità digitale negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2017 e l’82% della crescita della pubblicità digitale. Si tratta di un aumento costante di anno in anno rispetto al 2016 e al 2015, quando i due giganti tecnologici avevano una quota combinata del 69 per cento e del 64 per cento della pubblicità digitale, rispettivamente, secondo l’analisi

Cosa resta per i media tradizionali ? Non molto, secondo Alan Mutter, analista e professore all’università della California a Berkeley.

Nel 2014, Mutter scrisse sul blog REFLECTIONS OF A NEWSOSAUR un articolo sull’industria americana dei giornali, pubblicando alcune percentuali di variazione del mercato. In particolare una diminuzione del 52% della pubblicità digitale nel corso del decennio precedente. Aveva anche descritto come sempre più persone stanno creando gratuitamente contenuti, mentre i giornalisti vedono sempre più attaccata la loro professionalità e capacità di creare contenuti in modo professionale.

digital ad share

E poiché la pubblicità digitale supera anche gli annunci televisivi, Mutter ha dichiarato che ci sarà sempre meno spazio per un giornalismo di approfondimento e ben documentato, che richiede molto tempo e risorse.

“Le persone fanno un investimento nella produzione di contenuti, con la speranza di ricevere un giusto compenso economico”, ha scritto. “Ma non è quello che sta succedendo, e succederà sempre meno”.

Se aggiungiamo questo problema a quello relativo ai livelli di fiducia nei media, cosa otteniamo ? “Un vero problema profondo per la società”, dice Mutter. “C’è una vera ragione per cui questo sta succedendo, non è solo un tramonto”, ha detto Mutter. “Viviamo oggi in un mondo davvero diverso”.

Che cosa hanno imprese internazionali come Google e Facebook che la stampa tradizionale non ha ? Perchè queste aziende continuano a stupire con il loro spettacolare successo, mentre le grandi marche di una volta arrancano a fatica alle loro spalle ? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che il marketing usa da tempo non funzionano più. Oggi, all’elenco, c’è da aggiungere un’altra P di importanza eccezionale quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola è qualcosa di fenomenale, inatteso, entusiasmante e assolutamente incredibile che è dentro il prodotto. C’è o non c’è Punto… Seth Godin – La Mucca Viola …

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Condividi con noi:
ecommerce, Fashion, Leadership, Oceano Blu, Prodotto, SocialNetworks, StartUp e Progetti, strategia, Tecnologia

Snapchat lancia ‘Spectacles’ anche in Italia, un’altra innovazione di Valore ?

Possibile acquistare ‘Spectacles’ anche dai distributori automatici, si parte da Venezia

Gli occhiali-telecamera Spectacles, lanciati qualche mese fa da Snapchat, arrivano anche in Italia. L’app di messaggi ‘usa e getta’ amata dai giovanissimi. La curiosità è che l’acquisto, oltre che online, potrà avvenire attraverso distributori messi per strada. In Italia il primo sarà installato a Venezia, a seguire sono previsti altre città.

Spectacles
Gli Spectacles sembrano occhiali da sole, e costano più o meno lo stesso. La novità è che permettono di girare brevi video (‘snap’) da 10 a 30 secondi con un tocco sull’asticella laterale. Video che poi si possono condividere su Snapchat.

SpectaclesDurante la registrazione si accenderà una spia luminosa sia all’interno sia all’esterno degli occhiali per avvisare che è in corso una registrazione.

Oltre che in Italia, gli occhiali Spectacles sono venduti anche nel  Regno Unito, in Germania, Francia e Spagna.

Pubblicità in Time Square

Snapchat ha avuto 166 milioni di utenti attivi in una giornata nel primo trimestre 2017, di cui 55 milioni in Europa.

Lanciati questo autunno, gli Spectacles sono il primo prodotto “hardware” di Snap, compagnia madre dell’app per i messaggi usa e getta che tanto piace ai teenager. Non sono dei veri e propri occhiali “intelligenti” e “tuttofare” come i Google Glass, ma piuttosto un accessorio di tendenza, dal design accattivante. Il plus tecnologico sta nel fatto che consentono di registrare e condividere video. Ovviamente sulla piattaforma dell’app del fantasmino giallo. Il prodotto sta destando una grande curiosità negli Stati Uniti, viste anche le modalità di vendita: gli Spectacles si possono acquistare da distributori automatici particolarmente vistosi – chiamati Bot – che spuntano a sorpresa, e ‘a tempo’, nelle città. L’unico negozio fisso è a New York.

Snapchat ci regala un bellissimo esempio di Innovazione di Prodotto, proviamo a fare un breve ragionamento:

Vedremo se l’innovazione di prodotto andrà a soddisfare un nuovo settore, creando innovazione di valore. Chiaramente il prodotto è stato pensato per soddisfare direttamente un’esigenza dell’utenza, esprimendo un’idea smart sia nel concetto che nell’esecuzione. La distribuzione è stata pensata per arrivare direttamente all’utente finale, online o con i distributori automatici, tagliando fuori la catena di distribuzione/influencer tradizionali: cioè i negozi. Il mercato risponderà positivamente se l’appeal funzionale renderà l’occhiale da sole tecnologico maggiormente acquistabile rispetto quello tradizionale. Considerando anche che l’appeal emotivo aumenterà pubblicando il risultato direttamente su SnapShat.

Staremo a vedere se Spectacles saranno la porta di accesso ad un nuovo oceano blu, cioè se l‘innovazione di prodotto sarà Innovazione di valore.

 

Condividi con noi:
Leadership, strategia

I 5 stili di Leadership: caratteristiche per gestire la leadership

Il tema della Leadership è molto vasto e complesso, tant’è che non esiste una definizione univoca del termine né un manuale per imparare a diventare leader.

Gli esperti sostengono che diventare leader dipenda da fattori personali (carattere, atteggiamento, personalità), oltre che competenze acquisite e fattori ambientali (la tipologia del lavoro, le caratteristiche del gruppo di lavoro e l’organizzazione del lavoro).

Le principali caratteristiche per gestire la leadership sono:

  • gestione dello stress
  • autocontrollo emotivo (capacità persuasive, empatia, persuasione)
  • integrità con i valori proclamati
  • fiducia in se stessi
  • competenze pratiche
  • abilità concettuali (analizzare, risolvere problemi, prendere decisioni)
  • abilità gestionali (programmare, delegare, supervisionare)

Featured Image -- 1530Avere questi doti, ovviamente non è sufficiente per garantire una buona leadership che dipenderà da molti altri fattori individuali e specifici dell’ambiente di lavoro. Ma tornano al tema principale di questo articolo, ecco i 5 stili di leader che possono crearsi:

  1. Autoritario. È il solo a prendere decisioni, senza sentire il parere del gruppo di lavoro e non fornisce spiegazioni delle sue scelte. Utile in caso di emergenza, intollerabile e pericoloso in un ambiente di professionisti.
  2. Democratico. Si caratterizza per apertura mentale, dà largo spazio al confronto, alla comunicazione e alle idee. Accetta critiche, delega i compiti e distribuisce le responsabilità. È il leader ideale in situazioni in cui si privilegia la coesione aziendale piuttosto che la produttività.
  3. Lassista. La sua presenza non si fa notare. Non fornisce regole e non supervisiona i compiti. Può funzionare solo in situazioni forti e consolidate.
  4. Transazionale. In questo caso il leader e i sottoposti si trovano in un rapporto di negoziazione, in cui i dipendenti sono incentivati a raggiungere un certo obiettivo perché riceveranno un incentivo economico o psicologico dal leader. Può funzionare solo per rapporti lavorativi brevi, in cui si lavora su standard e obiettivi precisi
  5. Trasformazionale. Il leader si pone come un modello da seguire e plasma i suoi collaboratori affinché sposino a pieno una causa e lavorino privilegiando il bene del team oltre gli interessi personali. È possibile solo se si lavora con persone disposte ad abbracciare a pieno una causa sentita.
Condividi con noi:
Leadership, strategia

La Santa Innovazione, tutte le volte che Papa Francesco è disruptive

Jorge Bergoglio è intervenuto con un video a TED, appuntamento internazionale per chi esplora gli scenari futuri. È solo l’ultimo degli atti di disruption del Pontefice che ha una forte presenza social e crede nello sviluppo tecnologico (coniugato con l’equità sociale). Una strategia comunicativa che punta ai Millennials

La partecipazione al TED di Vancouver è solo l’ultimo episodio nel cammino di un “santo innovatore”. Sul palco di TED, “marchio” di una serie di prestigiose conferenze internazionali sull’innovazione, sono saliti negli anni Bill Gates, Larry Page, Sergey Brin, Bill Clinton e molti altri, ma un Papa non c’era mai stato. Invece è successo. Papa Francesco è intervenuto a sorpresa – seppure solo virtualmente attraverso un video –  al recente TED tenutosi nella città canadesepapa-170504162447_medium, intitolato “The Future You”. Sorpresa sì, ma non troppo, perché Jorge Mario Bergoglio, sin dall’inizio del pontificato, si è mostrato disponibile ad affrontare le questioni poste dall’innovazione tecnologica ed ha avuto lui stesso un approccio innovativo nella gestione della comunicazione del Vaticano, a partire dall’uso dei social network. Approccio che gli ha fatto persino conquistare la copertina della rivista Rolling Stone dal titolo “Papa pop”. E che ora lo ha portato a diventare speaker di un TED, dove ha avuto modo di sottolineare l’importanza della connessione e dell’interazione, dello sviluppo tecnologico coniugato con una maggiore equità sociale e della fiducia nel futuro.

[ted id=2744]

Sorgente: La Santa Innovazione, tutte le volte che Papa Francesco è disruptive

Condividi con noi: