Quali sono le caratteristiche dell’ Innovatore e come si coltivano

Quando pensiamo a una persona innovativa, un Innovatore, spesso pensiamo ai sui risultati, come è cambiato l’approccio, all’idea innovativa che ha spostato l’attenzione verso nuovi obiettivi e nuovi percorsi, o la portata e l’impatto delle pratiche innovative.

Quello che normalmente non consideriamo è il processo, il ragionamento evolutivo. Si ragiona molto su perché abbiamo bisogno di innovare, ma non come si possa effettivamente farlo.

Victor Poirier, professore presso University of South Florida, ha recentemente pubblicato un documento di ricerca in collaborazione con nove dei suoi colleghi che guarda al processo di pensiero di innovazione. Il documento sostiene che l’innovazione è caratterizzata da una serie di passi, e che gli innovatori possiedono determinate caratteristiche. Il lavoro di Poirier guarda a ciò che queste caratteristiche sono, e come possiamo attivarle al fine di scatenare il nostro genio innovatore.

Secondo la ricerca di Poirier, ci sono alcune cose che possiamo fare per aiutare a formare il nostro cervello per essere più innovativi.

I momenti di genio sono caratterizzati da alcune fasi:

  1. Ispirazione
  2. Creatività
  3. Motivazione
  4. Imprenditoria
  5. Innovazione

L’ispirazione può colpire in modo sistematico o spontaneamente, ma spesso si verifica dopo aver pensato e ragionato su tutto ciò che può ispirare. Nel documento, la creatività è definita come “la capacità di pensare il mondo in modo nuovo, a ragionare da una prospettiva chiara e aperta, e di liberarsi dal proprio background conoscitivo.”  A volte è necessario un po ‘di tempo per ottenere questa prospettiva , perché essere troppo vicino al problema può impedire l’identificazione di soluzioni semplici e ovvie.

Naturalmente, le idee senza azioni non sono così utili. Quindi il passo successivo richiede di implementare la soluzione e verificare il risultato ottenuto, che sarebbe il modo in cui un imprenditore convalida le proprie idee di business per testare il mercato.

Spesso si pensa che innovativi si nasce, ma secondo Poirier non è proprio così.

Alcuni di questi tratti, che Poirier elenca nel suo documento di ricerca, includono la capacità di pensare in modo astratto, avendo profonda e vasta conoscenza, la curiosità, l’apertura al rischio, grinta, e insoddisfazione per lo status quo. Poirier crede che lavorare a coltivare i tratti che già esistono in un individuo può portare ad una maggiore capacità di essere innovativi.  Poirier e i suoi colleghi stanno testando e sviluppando modi che permetterebbero di insegnare questi processi di crescita innovativa.0eo9dihlb73z1ct6i070_400x400

Se ritieni di avere uno o più tratti innovativi, si possono cercare esperienze per far evolvere questi tratti.

Ad esempio, se si pensa di possedere grinta, è ottimale prendere l’abitudine di lavorare su un progetto o un obiettivo dall’inizio alla fine, avendo cura e capacità di individuare difficoltà e criticità, intervenendo al momento giusto con la soluzione ottimale.

L’ambiente gioca un ruolo importante nello sviluppo delle caratteristiche innovative che possiedi. Poirier osserva: “Dipende molto dal vostro background, dove crescere e tutto ciò a cui si è esposti. Se i tuoi genitori sono molto intelligenti, probabilmente si avranno più caratteristiche innovative, e maggiori probabilità di svilupparle e metterle all’opera“. Naturalmente non è possibile cambiare le circostanze della nostra educazione, ma come adulto, abbiamo maggiore possibilità di scegliere le persone che ci circondano.

L’Ego è spesso visto negativamente, esistono diversi esempi di imprenditori che hanno fatto scelte errate a causa di ego eccessivo.

Ma Poirier ritiene che un po’ di ego può essere utile per creare innovazione. “l’Ego aiuta le persone a fare cose che non avrebbero fatto normalmente. Per esempio, se un team sta cercando di risolvere un problema o di creare una soluzione, l’ego può portare maggiore concentrazione, e lavorare sodo“.

Innovatori si può nascere, ma si può anche diventare e/o migliorare. Thomas Edison ha lavorato sulla propria vena innovativa testando tutti i modi per fare una lampadina, e allo stesso modo anche noi possiamo allenarci a essere innovativi coltivando determinate caratteristiche e circostante, insieme alle persone che ci circondano sviluppando e migliorando l’ambiente che ci circonda.

 

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digitale
Cosa è Google Tag Manager e a che cosa serve

Google Tag Manager è lo strumento più utilizzato per la gestione dei Tag, quelle porzioni di codice HTML che fanno funzionare Google Analytics, AdWords, Facebook Ads ecc… Il ruolo e il funzionamento di Google Tag Manager è ben sintetizzato dall’immagine seguente, dove è possibile vedere lo stretto legame con Facebook …

Digitale
Come affrontare a lungo termine le modifiche dell’algoritmo di Google

Come avrai sicuramente notato, Google apporta costantemente modifiche all’algoritmo di ricerca. Quando Google implementa nuove modifiche, raramente descrivono la novità. L’algoritmo di Google difficilmente viene esplicitato, ad esempio il twitter che annuncia l’aggiornamento dell’algoritmo è vago… Come prima cosa vediamo come funziona Google: Ci sono circa 200 elementi che intervengono …

Formazione
Come proteggere il tuo sito di sviluppo con password

Proteggere la tua area di sviluppo da sguardi indiscreti, o limitare l’accesso a una banca dati online è possibile configurando opportunamente il file .htaccess e il file .htpasswd. Puoi proteggere e limitare l’accesso al sito di sviluppo, e uno dei modi più comuni per farlo è utilizzare l’autenticazione di base …