Come indicizzare al meglio le pagine prodotto del tuo e-commerce, quando hai molti contenuti duplicati

Digitale
4

Andiamo a vedere come indicizzare bene il tuo sito, in modo tale che i motori di ricerca possano classificare al meglio le pagine dei tuoi prodotti.

Vediamo come indicizzare sito eCommerce al meglio, quando potresti avere molti contenuti duplicati. Nel 2013, il motore di ricerca Google si è reso conto che il 30% circa delle pagine indicizzate avevano il contenuto duplicato. Da quel momento in Google hanno iniziato un nuovo approccio nella gestione dei contenuti duplicati, in particolare per gli ecommerce è altamente sconsigliato duplicare i contenuti.

Iniziamo a vedere cosa si intende per contenuto duplicato. Google definisce i contenuti duplicati come:

I contenuti duplicati si riferiscono generalmente a blocchi di contenuto “sensibilmente simili” all’interno di un sito, o blocchi di contenuto presenti in siti distinti. Il motivo di queste duplicazioni, spesso, non è ingannevole. Ad esempio, contenuti duplicati non dannosi potrebbero includere:

  • Forum di discussione in grado di generare pagine normali e ridotte destinate ai dispositivi mobili;
  • Elementi mostrati o collegati tramite più URL distinti;
  • Versioni di sola stampa di pagine Web;

Google dice che, a meno che l’intento del tuo contenuto duplicato sia in qualche modo dannoso, non riceverai alcuna penalità sull’indicizzazione. In realtà, i contenuti duplicati non causano problemi diretti, ma bensì indiretti. Questo vuol dire che dovremo lavorare un po’ di più per ottimizzare le parti duplicate di pagine.

 

Potrebbe interessarti anche: SEO: posizionamento gratuito o campagne a pagamento

 

I negozi di e-commerce spesso costruiscono le loro pagine di contenuti da una scheda tecnica o da una descrizione del prodotto che le aziende utilizzano in tutto il Web.

Quando Google esamina questo contenuto e lo classifica come contenuto “ben fatto“, “manipolativo” o “duplicato“, allora sei partito con il piede sbagliato. Questa classificazione provocherà problemi più profondi che affliggeranno in modo continuativo il SEO delle pagine web.

Google ci offre due suggerimenti:

  1. Il contenuto duplicato che non è manipolativo e neppure duplicato non riceve una penalità;
  2. Il resto del tuo SEO ha una certa importanza.

Essenzialmente, Google ha un criterio di gestione dei duplicati. Vediamo ora cosa si intende per contenuti duplicati “buoni“.

Ad esempio se proviamo a cercare su google “Rancilio Silvia v5 macchina da caffè”, troviamo due siti in cui emerge una descrizione uguale:

Tutti e due i siti di e-commerce stanno vendendo lo stesso prodotto. Mentre i titoli e le meta descrizioni sono diversi, possiamo notare che la descrizione e le immagini di queste pagine sono uguali.

 

Potrebbe interessarti anche: Strategia SEO ricerca vocale e il successo dei Personal Assistants

 

Noterai come questa coincidenza possa rendere incredibilmente difficile la classificazione di queste pagine prodotto. In effetti, la maggior parte degli esperti SEO potrebbe dire che il contenuto duplicato presenta tre problemi principali per i motori di ricerca:

  1. Rende difficile per Google sapere quale versione di una pagina indicizzare.
  2. In secondo luogo, confonde le metriche e la forza dei backlink.
  3. E in terzo luogo, il risultato naturale di questo è che Google non sa quale pagina classificare nei risultati di ricerca.

E questo è un problema per la maggior parte dei siti di e-commerce, perché la pagina prodotto è effettivamente il luogo dove lo shop vende e guadagna.

Come può essere che due siti si posizionino molto bene con quello che è essenzialmente un lavoro di copia-incolla ?

Parte della risposta è che il contenuto duplicato non è necessariamente spam per Google. Ma la verità è che, quando sono presenti contenuti duplicati, i proprietari dei siti possono scendere in classifica e quindi perdite di traffico. E queste perdite derivano spesso da una questione primaria: I motori di ricerca raramente mostrano più versioni dello stesso contenuto. Ciò significa che sceglieranno la versione della pagina “migliore”. Il risultato è un minor numero di duplicati nella pagina principale.

Per riassumere, devi considerare che Google tenta di filtrare i contenuti duplicati. Quindi, la necessità di utilizzare contenuti duplicati in alcuni casi pone un problema.

 

Potrebbe interessarti anche: SEO cos’è, come funziona e come ottimizzare il tuo sito

 

Il SEO soffre perché la maggior parte dei siti di e-commerce mancano di segnali positivi che ci sia un contenuto unico o valore aggiunto dal loro contenuto duplicato.

La soluzione, quindi, è creare questi segnali positivi. Google premia l’unicità e il valore aggiunto in qualsiasi forma. E quindi la soluzione potrebbe essere un modo per rendere contenuti “duplicati”, unici agli occhi di Google. Quando qualcuno copia parecchie porzioni di contenuto alla lettera, di solito significa che Google supporrà che l’intera pagina sia solo una copia di qualcos’altro. Secondo John Mueller di Google, in caso di contenuti duplicati, Google “cercherà di aiutarti semplicemente selezionandone uno e mostrandolo.”

Ma questo non è quello che vogliamo. Quindi, se non vuoi che ciò accada a te, l’unica soluzione è rendere le pagine veramente uniche. Sarai in grado di ottenere posizioni migliori nella SERP e più traffico sul tuo sito. Tutto ciò che devi fare è essere un po ‘più creativo, riusando e riciclando qualsiasi contenuto.

Prendi ad esempio le due pagine seguenti, relative a prodotti per il trasporto di alimenti a temperatura costante, i Polibox.

Una normale pagina prodotto, con tutti gli attributi: alcune immagini, una descrizione breve, prezzo ecc… Questa pagina si distingue davvero quando la si mette a confronto un diverso prodotto della stessa azienda:

Usa lo stesso identico formato, ma osservando la copia, notiamo che promuove più o meno lo stesso prodotto con particolari completamente diversi. Ciò significa che hanno avuto il tempo per impostare una storia diversa per questo prodotto, in un modo che gli consenta di distinguersi dai motori di ricerca. Inoltre è stato ottimizzato per le parole chiave, progettato per l’e-commerce, e il valore SEO aumenta. Anche se necessario uno sforzo maggiore, questo approccio premia.

Devi ricordare con l’e-commerce che il tuo obiettivo non è solo quello di dimostrare che il tuo prodotto è buono, ma anche quello di dimostrare che la tua azienda è la scelta giusta.

Se riesci a dimostrare che la tua azienda è riconoscibile e che il tuo prodotto è buono, non c’è motivo per i visitatori di non acquistare da te. Non sarai semplicemente classificato su Google. Potrai anche vendere più prodotti.

Adesso, puoi lavorare per risolvere il problema dei tuoi URL duplicati.

Il motore di ricerca esamina anche gli ID di sessione, gli URL di tracciamento, le pagine compatibili con la stampante o i commenti impaginati come potenziali aree di contenuti duplicati sul tuo sito. E poiché non puoi sempre sbarazzarti di questi elementi, devi assicurarti che Google sappia cosa è duplicato e cosa è originale riordinando i tuoi URL.

Solo per mostrarti cosa intendo, esamina i seguenti URL:

www.miosito.com/prodotto
miosito.com/prodotto
http://miosito.com/prodotto
https://www.miosito.com/prodotto
https://miosito.com/prodotto

Noti qualcosa in comune tra i 5 indirizzi URL ?

Uno sviluppatore, guardando questa lista, dirà che è sempre la stessa pagina. Un motore di ricerca invece vedrà cinque pagine con contenuti duplicati. Anche se sono tutti modi diversi per raggiungere il tuo sito e visualizzare la stessa pagina, un motore di ricerca vedrà contenuti duplicati.

La soluzione è stabilire un dominio preferito con Google Webmaster Tools. Per farlo devi scegliere il menù impostazioni (in alto a destra) e selezionare Impostazioni sito nel menu a tendina.

È quindi possibile selezionare di visualizzare i propri URL con o senza “www.”

Questo per dire a Google la priorità di un determinato URL, contribuendo così a ridurre al minimo i problemi relativi ai contenuti duplicati. Inolte, manterrai comunque qualsiasi autorità di collegamento da domini che non sono domini preferiti. E i visitatori finiranno comunque sul tuo sito preferito.

Una volta fatto ciò, dovrai anche assicurarti che tutti i link interni sul tuo sito mantengano questa coerenza.

Ecco come appare sul mio sito web:

Ho impostato il mio sito per apparire con il “www”.  Ma per le pagine dei prodotti, questo diventa un po ‘più difficile.

Molte volte, il modo in cui gli sviluppatori creano siti di e-commerce rende questa gestione, intrinsecamente difficile. Ad esempio, potresti avere “shop.miosito.com” per una pagina di prodotto quando il resto del tuo sito è “www.miosito.com”. Quindi, trovare un modo per rendere uniformi gli URL per le pagine dei prodotti, i post dei blog e le pagine di destinazione può aiutare a prevenire la confusione e ridurre al minimo i problemi relativi ai contenuti duplicati.

Ma c’è un’altra possibilità per risolvere questo problema. La creazione di URL canonici, con i quali si dice a Google quale pagina di prodotto è la pagina originale, cioè quella da considerare. Possiamo farlo con il comando rel = canonical, e Google capirà quale è la pagina preferita invece di una pagina alternativa, e per farlo utilizzeremo una specifica istruzione HTML.

Ad esempio consideriamo due pagine: urlA e urlB.

E consideriamo l’urlB come duplicato dell’urlA. Quindi nella sezione dell’urlB, inserendo il comando: che c’è un contenuto duplicato, e che dovrebbe applicare tutti gli attributi SEO dell’urlB all’urlA.

In poche parole, ci sono due pagine che forniscono gli attributi SEO a una pagina. In questo modo, il consolidamento dei tuoi URL mette le pagine dei prodotti in un formato che è più semplice da comprendere per un motore di ricerca.

Ma c’è un altro aspetto da considerare per le pagine con contenuti duplicati, la ricerca dei termini di ricerca di alto valore.

Secondo gli esperti di e-commerce, definire le parole chiave e ottimizzare le pagine duplicate è un modo semplice e diretto per potenziare il tuo SEO. Come primo passo devi identificare quali tipi di termini scegliere. Quindi, creare l’elenco dei termini per soddisfare una serie di potenziali ricerche. Una volta che hai creato la tua lista, procederai a restringerla, per crearne una definitiva e più rilevante per il tuo prodotto.

Per una ricerca accurata delle parole chiave ottimali, posso consigliare Ubersuggestwordtracker o anche la barra di ricerca di un gigante dell’ecommerce come Amazon. L’ottimizzazione di queste parole chiave ti aiuterà a creare variazioni uniche delle pagine dei prodotti che aiuteranno il tuo SEO e aumenteranno i tuoi ranghi, le conversioni e le entrate.

 

 

Se vuoi migliorare la visibilità del tuo sito o del tuo ecommerce, potete cantattarmi inviando una email all’indirizzo info@bloginnovazione.it, o compilando il form contatti di BlogInnovazione.it

Ercole Palmeri

CV Ercole Palmeri

Temporary Innovation Manager

Associato Leading Network

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digitale
Come affrontare a lungo termine le modifiche dell’algoritmo di Google

Come avrai sicuramente notato, Google apporta costantemente modifiche all’algoritmo di ricerca. Quando Google implementa nuove modifiche, raramente descrivono la novità. L’algoritmo di Google difficilmente viene esplicitato, ad esempio il twitter che annuncia l’aggiornamento dell’algoritmo è vago… Come prima cosa vediamo come funziona Google: Ci sono circa 200 elementi che intervengono …

Formazione
Come proteggere il tuo sito di sviluppo con password

Proteggere la tua area di sviluppo da sguardi indiscreti, o limitare l’accesso a una banca dati online è possibile configurando opportunamente il file .htaccess e il file .htpasswd. Puoi proteggere e limitare l’accesso al sito di sviluppo, e uno dei modi più comuni per farlo è utilizzare l’autenticazione di base …

Digitale
WooCommerce: come gestire il Catalogo prodotti

Scopriamo come gestire i prodotti in WooCommerce, come creare delle categorie per raggruppare prodotti simili e come generare attributi specifici per ogni prodotto. Dopo aver concluso tutte le configurazioni di base vediamo come gestire la parte fondamentale di un qualsiasi negozio WooCommerce, il Catalogo prodotti. Per rendere la navigazione del catalogo …