Critica (s)ragionata sull’innovazione

Osservazioni
1

Mi spiace rompere le uova nel paniere, ma così a scanso di equivoci, proverei a considerare l’innovazione come un concetto politico, ancor prima di essere un concetto meramente tecnologico o culturale.

Per semplificare, diciamo che la sfera politica ha a che fare con la libertà e la sua misura:

  • Maggiori sono le libertà garantite, più è naturale trovarsi di fronte ad un contesto democratico;
  • Minore è la tutela della libertà, maggiore sarà la possibilità di trovarsi di fronte ad un contesto antidemocratico.

Se partissimo da questa assunzione, allora anche l’innovazione avrebbe a che fare con la libertà e la sua relazione ad alcune categorie. 

Innovazione declinata su tempo, spazio, denaro, persone e proprietà

Per rendere più snello il ragionamento, accontentiamoci di 5 semplici, ma esaustive categorie: tempo, spazio, denaro, persone e proprietà.

Ne deriva quindi che un qualsiasi processo innovativo possa avere un impatto a livello sociale, quando in un dato contesto si hanno maggiori libertà a livello di:

  1. TEMPO: Libertà di poter scegliere di lavorare meno, per lavorare meglio (esempio: smart working)
  2. SPAZIO: Libertà di lavorare nell’ambiente (esempio: home working)
  3. DENARO: Libertà di poter scegliere come pagare (esempio: digital currency) o come investire o come fare cost saving.
  4. PERSONE: Libertà di scegliere con quali risorse lavorare (esempio: automazione di processi)
  5. PROPRIETÀ: Libertà di mettere in circolazione i propri beni per farne profitto (sharing economy)
Potrebbe interessarti ancheIl ruolo del conflitto e della teoria nell’innovazione
Potrebbe interessarti ancheOpen innovation, Innovazione del business sfruttando la ‘saggezza delle folle’

Content marketing: perché non uso più Le 5 cose che

L’innovazione è antidemocratica?

Ora, uno scenario descritto così potrebbe far emergere un tema, quello della dicotomia tra inclusione ed esclusione, che guarda caso è anch’esso un tema politico. Chi è dentro al processo di inclusione gode di privilegi, di cui non gode chi è escluso da un qualsivoglia processo innovativo. – Allora l’innovazione è antidemocratica?

Allo stato attuale, l’innovazione in un contesto italiano è un fenomeno diffuso a macchia di leopardo, poco capillare e schizofrenico. Ci sono isole sparse, microsistemi, che non comunicano o tra di loro o con il resto delle terre attorno.

Promuovere bandi per l’erogazione di contribuiti per l’innovazione non fa dell’Italia un Paese innovativo. Quello è un premio di consolazione, per chi è destinato ad arrivare secondo, una caramella indorata nel miele per il bambino che fa i capricci, uno specchio per le allodole degno del più abile dei markettari. 

Potrebbe interessarti ancheCome portare innovazione nella vostra organizzazione
Potrebbe interessarti ancheIl passaggio al digitale è estremamente impegnativo

Critica (s)ragionata sull'innovazione

Se non c’è tensione, non c’è innovazione

Ora, quando ai convegni vari si parla di innovazione, abbiate la decenza di essere realistici e di mettervi una mano sulla coscienza. Lo dico ai guru dell’innovazione, che scrivono libri sulla innovazione, per diffondere la balla dell’innovazione, che genera falsi miti e un esercito di frustrati a lungo termine. 

Per ritornare da dove sono partita, un prodotto dell’innovazione è una questione politica, non uno strumento della politica. Un processo innovativo è conflittuale e non accomodante.

Se non c’è una tensione tra le parti, non c’è innovazione.

 

Emanuela Goldoni

Digital Strategist | Content Strategist at Shoobedup

CV Emanuela Goldoni

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Osservazioni
Remote Collaboration Cos’è, alcuni esempi e tools

Il lavoro remoto, da casa o lontano dall’ufficio di un’azienda, sta guadagnando sempre più popolarità negli ultimi anni. Cos’è la collaborazione remota ? La collaborazione remota può essere definita come un processo che può essere utilizzato per eliminare i limiti della posizione geografica e sviluppare lo spirito di squadra tra …

Osservazioni
Innovazione e Design: quali saranno i lavori del futuro

In un’epoca in cui la digitalizzazione del lavoro si sta espandendo in modo esponenziale, anche gli specialisti del design si stanno evolvendo verso strade non ancora battute. La parola Design nasce nel contesto di progettazione di oggetti ai fini della produzione industriale. La figura del designer ha iniziato così a connotarsi, nel sentire comune, di qualità come …

Osservazioni
Economia dei dati e system integration IT: quale relazione?

“L’aggettivo data-driven significa che il progresso in un’attività è condotto da dati, invece che dall’intuizione o dall’esperienza personale”: questa è la definizione di Wikipedia a un fenomeno che sta cambiando la modalità con cui prendere decisioni strategiche in azienda. Eppure, affermano alcuni, già da molto tempo le aziende raccolgono informazioni …