SEO: posizionamento gratuito o campagne a pagamento

Digitale

Gli algoritmi dei motori di ricerca, stanno lentamente trasformando i criteri con cui si creano le pagine web. Se vogliamo dare maggiore visibilità ai nostri siti, dobiamo scrivere in modo tale che le pagine siano facilmente leggibili, per gli utenti e per i motori di ricerca, “allo stesso modo“.

Il SEO sta rendendo fruibile il tuo sito web sia agli utenti che ai motori di ricerca, determinando quindi una indicizzazione ottimale. Anche se i motori di ricerca sono diventati sempre più sofisticati, loro ancora non riesco a vedere e capire una pagina web come un umano. La metodologia SEO aiuta i motori a capire che cosa contiene ogni pagina, e come potrebbe essere utile per gli utenti.

Immagina di aver postato online una foto del tuo cane di famiglia. Un umano potrebbe descriverlo come “un nero, cane di media taglia, sembra un labrador, gioca a rincorrere la palla nel parco.  Il migliore il motore di ricerca al mondo farebbe fatica a capire la foto al medesimo livello di accuratezza. Come fa un motore di ricerca a capire una foto ? Fortunatamente, la metodologia SEO consente ai webmaster di fornire indizi, che i motori di ricerca possono utilizzare per comprenderne il contenuto. Comprendere sia le abilità che i limiti dei motori di ricerca, consente ai Webmaster di costruire correttamente, formattare e annotare i contenuti web in modo che i motori di ricerca possano apprendere.

Senza SEO, un sito Web può diventare invisibile ai motori di ricerca…

Potrebbe interessarti anche: Come mettere il tuo sito nelle posizioni migliori della SERP di Google e Bing

I limiti della tecnologia dei motori di ricerca

I principali motori di ricerca operano tutti sui medesimi principi. I robot di ricerca automatici eseguono la scansione del Web, seguono i collegamenti, e indicizzano il contenuto in enormi database. Lo fanno con un’intelligenza artificiale incredibile, ma la moderna tecnologia di ricerca non è infallibile.
Esistono molti limiti tecnici, che causano problemi significativi sia nell’inportazione pagine che nella classificazione. Per esempio:

  • Problemi relativi alla scansione e indicizzazione
    • Moduli online: i motori di ricerca non sono in grado di compilare i campi vuoti “on-line” (ad esempio un login), e quindi qualsiasi contenuto successivo (aree riservate) rimane nascosto;
    • Pagine duplicate: siti Web che utilizzano un CMS (gestione dei contenuti come WordPress) spesso creano versioni duplicate della stessa pagina. Questo è un grosso problema per i motori di ricerca che cercano contenuti originali;
    • Blocco nel codice: errori nelle direttive di scansione di un sito Web (robots.txt) può portare a bloccare completamente i motori di ricerca;
    • Strutture di collegamento scadenti: se la struttura di collegamento di un sito Web non è comprensibile al motore di ricerca, potrebbero non arrivare tutti i contenuti del sito Web stesso. Oppure, se viene sottoposto a scansione, il contenuto meno esposto potrebbe essere considerato non importante dal motore di ricerca;
    • Contenuto non testuale: anche se i motori stanno migliorando leggendo testo non HTML, il contenuto in formato rich media è ancora difficile da analizzare per i motori di ricerca. Questo include il testo in Flash file, immagini, foto, video, audio e contenuto di eventuali plug-in;

Indicizzazione sbagliata

  • Problemi di corrispondenza tra stringa di ricerca e contenuti delle pagine del tuo sito web
    • Termini non comuni: ad esempio se abbiamo un testo scritto con parole di uso non comune, rispetto i termini che le persone usano per fare ricerche. Ad esempio, scrivere di “unità di raffreddamento del cibo” quando le persone effettivamente cercano “frigoriferi”;
    • Sottigliezze linguistiche e internazionalizzazione: ad esempio, “color” e “colour”. In caso di dubbio, è bene verificare cosa le persone usano per fare le ricerche, e utilizzare le stesse parole nei contenuti;
    • Targeting per località non congruo: targeting del contenuto in russo quando la maggior parte delle persone che visiterebbero il tuo sito web
      sono dal cinesi;
    • Segnali contestuali misti: ad esempio, il titolo del post è “Il miglior caffè della Colombia”, ma il post tratta di un luogo di villeggiatura in Canada, dove viene servito un ottimo caffè.
      Questi messaggi misti contenuti nel tuo sito web, inviano segnali confusi ai motori di ricerca.
Potrebbe interessarti anche: SEO cos’è, come funziona e come ottimizzare il tuo sito

Assicurati sempre che i tuoi contenuti vengano letti

Interrogare le statistiche in interrogazione e navigazione del tuo sito web è importante, e acquisito un buon livello nella SERP, devi anche commercializzare i tuoi contenuti. La tecnologia di ricerca si basa sulle metriche di rilevanza e importanza, e si misurano le metriche rilevando cosa le persone fanno: cioè cosa scoprono, come reagiscono, cosa commentano e come si collegano. Quindi, non puoi semplicemente costruire un perfetto sito web e scrivere ottimi contenuti; devi anche condividere, e parlare di quel contenuto.

Fai evolvere il SEO del tuo Sito Web

Quando il marketing di ricerca è iniziato a metà degli anni ’90, le meta keywords rappresentavano le tattiche necessarie per avere una buona indicizzazione delle tue pagine e del tuo sito web. Nel 2004 i link e i commenti nei blog hanno acquisito importanza per l’aumento del traffico, sono nati i generatori automatici di link e SPAM. Nel 2011, il marketing sociale e il multimediale sono diventati sempre più importanti per una migliore indicizzazione nei motori di ricerca.

L’evoluzione dei motori di ricerca ha portato a un perfezionamento dei loro algoritmi, quindi le metodologie e i tecnicismi che funzionavano nel 2004 potrebbero danneggiare la tua indicizzazione odierna. Nel mondo della ricerca, il cambiamento è un costante. Per questo motivo, il marketing di ricerca continuerà ad essere un priorità per coloro che desiderano rimanere competitivi sul web.

 

Se vuoi migliorare la visibilità del tuo sito o del tuo ecommerce, potete cantattarmi inviando una email all’indirizzo info@bloginnovazione.it, o compilando il form contatti di BlogInnovazione.it

Ercole Palmeri

CV Ercole Palmeri

Temporary Innovation Manager

Associato Leading Network

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digitale
Cosa è Google Tag Manager e a che cosa serve

Google Tag Manager è lo strumento più utilizzato per la gestione dei Tag, quelle porzioni di codice HTML che fanno funzionare Google Analytics, AdWords, Facebook Ads ecc… Il ruolo e il funzionamento di Google Tag Manager è ben sintetizzato dall’immagine seguente, dove è possibile vedere lo stretto legame con Facebook …

Digitale
Come affrontare a lungo termine le modifiche dell’algoritmo di Google

Come avrai sicuramente notato, Google apporta costantemente modifiche all’algoritmo di ricerca. Quando Google implementa nuove modifiche, raramente descrivono la novità. L’algoritmo di Google difficilmente viene esplicitato, ad esempio il twitter che annuncia l’aggiornamento dell’algoritmo è vago… Come prima cosa vediamo come funziona Google: Ci sono circa 200 elementi che intervengono …

Formazione
Come proteggere il tuo sito di sviluppo con password

Proteggere la tua area di sviluppo da sguardi indiscreti, o limitare l’accesso a una banca dati online è possibile configurando opportunamente il file .htaccess e il file .htpasswd. Puoi proteggere e limitare l’accesso al sito di sviluppo, e uno dei modi più comuni per farlo è utilizzare l’autenticazione di base …