Abito strappato? Niente paura, arriva il tessuto che si ripara da solo

Dimenticate ago e filo, non devi più ricucire l’abito. Presto i vestiti strappati potrebbero essere in grado di ripararsi da soli.

Tutto quello che dovrete fare sarà immergere l’abito in acqua. Un’utopia? Non proprio, stando almeno ad alcuni ricercatori dell’Università di Friburgo che hanno progettato un nuovo materiale idrorepellente che se graffiato o danneggiato è in grado di autoripararsi.

strappo-kj3-rykyb7zkuboq37dss0ln5wn-656x492corriere-web-sezioni_416x312.png

Per mettere a punto il materiale innovativo, il team di ricercatori, guidati dal professor Jürgen Rühe, si è concentrato sulla pelle di serpente e di lucertola, rettili che mutano la propria pelle, rigenerandola autonomamente. Così facendo, scrive il “Daily Mail”, i ricercatori hanno realizzato tre strati di tessuto servendosi di una pellicola che reAbito alta modasiste ai liquidi, un polimero solubile nell’acqua e uno strato sottile di silicone idrorepellente. Per dimostrare l’invenzione, i ricercatori hanno graffiato il rivestimento e l’hanno sommerso in acqua. Lo strato superiore si è sbucciato come fosse pelle morta ed è scivolato via, mostrando una superficie liscia.

Quindi, se l’indumento creato con questo tipo di materiale si strappa, potrebbe ripararsi da solo con un semplice lavaggio, spiegano i ricercatori. “Gli stilisti utilizzano fibre naturali o proteine ​​come la lana o la seta che sono costosi, ma non si riparano da soli – ha detto Melik C. Demirel, professore di scienze e ingegneria meccanica, spiegando il progetto – Stavamo cercando un modo per rendere i tessuti auto-riparatori usando tessuti convenzionali e abbiamo trovato questa tecnologia”. Copyright © 2017 AdnKronos. All rights reserved.

Staremo a vedere se l’innovazione andrà a soddisfare un nuovo settore, cioè se lo spazio esistente tra i settori alternativi ha aperto un’opportunità per una reale innovazione di valore. Il mercato risponderà positivamente se l’appeal funzionale della “semplicità dell’autoriparazione” renderà l’abito maggiormente acquistabile, oltre all’appeal emotivo dell’acquisto e dell’indossare un bel vestito. 

Staremo a vedere se il nuovo tessuto consentirà l’accesso ad un nuovo oceano blu.

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Osservazioni
Remote Collaboration Cos’è, alcuni esempi e tools

Il lavoro remoto, da casa o lontano dall’ufficio di un’azienda, sta guadagnando sempre più popolarità negli ultimi anni. Cos’è la collaborazione remota ? La collaborazione remota può essere definita come un processo che può essere utilizzato per eliminare i limiti della posizione geografica e sviluppare lo spirito di squadra tra …

Digitale
Cos’è Omni-channel: il nuovo modello di vendita online e al dettaglio

Omni-channel è il modello di vendita al dettaglio in cui tutti i canali esistenti diventano completamente integrati, per offrire ai clienti un’esperienza di shopping senza soluzione di continuità. La gestione Omni-Channel è una vera e propria strategia di vendita al dettaglio, caratterizzata dal fatto che tutte le informazioni di vendita …

Digitale
1
Contributi a fondo perduto per sviluppare soluzioni digitali e innovative

Contributi: il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 100 milioni di Euro per la digitalizzazione delle Pmi attraverso il Voucher per la digitalizzazione. Principali caratteristiche dell’opportunità: misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro nella …