Cos’è la Teoria dei Vincoli, vantaggi e svantaggi

Cos’è la Teoria dei Vincoli, vantaggi e svantaggi
Metodi

La Teoria dei Vincoli è un approccio applicabile alla gestione delle operations aziendali. Fondamentalmente, la teoria dei vincoli è una filosofia di gestione progettata per aiutare le organizzazioni a raggiungere i propri obiettivi.

La Teoria dei Vincoli prevede di identificare gli obiettivi dell’organizzazione, i fattori che ostacolano il raggiungimento di tali obiettivi, e quindi migliorarsi cercando di mitigare o eliminare i fattori limitanti.

I fattori limitanti sono chiamati colli di bottiglia o vincoli.

In qualsiasi momento, un’organizzazione si trova ad affrontare almeno un vincolo che limita le operazioni aziendali. In genere, quando viene eliminato un vincolo, si genera un altro vincolo. L’organizzazione dovrebbe concentrarsi sul nuovo vincolo. e questo processo si ripete continuamente.

Secondo la teoria dei vincoli, il modo migliore per raggiungere i propri obiettivi è quello di ridurre le spese operative, ridurre le scorte e aumentare il throughput. La teoria dei vincoli comprende

  • tre principi fondamentali;
  • sei fasi per l’implementazione;
  • un processo di riflessione composto da cinque fasi.

 

Potrebbe interessarti anche: Come portare innovazione nella vostra organizzazione

La teoria dei vincoli è caratterizzata da tre principi fondamentali: convergenza, coerenza e rispetto.

  1. Il principio di convergenza si basa sul fatto che il sistema è più semplice da gestire, perché una correzione di un aspetto del sistema avrà un impatto sull’intero sistema;
  2. Il principio di coerenza implica che qualsiasi conflitto interno deve essere il risultato di almeno una premessa caratterizzata da un difetto;
  3. E il principio di rispetto implica che gli esseri umani sono intrinsecamente buoni e meritevoli di rispetto anche quando commettono errori.
Potrebbe interessarti anche: Come creare una cultura di innovazione e innovare imparando

Implementazione in sei fasi

  1. Identificare un obiettivo misurabile. In sostanza, l’obiettivo è un obiettivo concreto che implica il successo e la redditività dell’azienda;
  2. Identificare il collo di bottiglia. Questo è un vincolo che limita il processo di produzione. Il vincolo può essere interno, come un difetto o una carenza nel processo di produzione, oppure può essere un ostacolo esterno, come un concorrente o qualche altra forza di mercato influente;
  3. Sfruttare il collo di bottiglia. Ciò significa assicurarsi che il collo di bottiglia venga sfruttato al meglio. Se il collo di bottiglia è una macchina lenta che elabora due tipi di prodotti, un prodotto molto redditizio e un prodotto meno redditizio, è necessario assicurarsi che la macchina lavori sempre sul prodotto più redditizio;
  4. Subordinare tutti gli altri fattori dell’operazione al collo di bottiglia. Cioè ottimizzare il processo di produzione al ritmo del collo di bottiglia. Se il processo di produzione coinvolge tre macchine, una può fare 10 prodotti all’ora, un’altra può fare 20 prodotti all’ora, e la terza può fare solo 3 prodotti all’ora. Quindi è ottimale utilizzare le macchine in modo che producano solo 3 prodotti all’ora per stare al passo con la macchina del collo di bottiglia. Questo riduce l’inventario in eccesso;
  5. Aumentare la capacità del collo di bottiglia. Ad esempio, facendo riferimento al punto 4, se il collo di bottiglia può produrre solo 3 prodotti all’ora, è necessario provare ad aumentare la velocità di uscita. Ad eempio esternalizzando la fase di produzione o acquistando altre due di queste macchine per aumentare la produzione;
  6. Iniziare il processo con il prossimo collo di bottiglia. C’è sempre almeno un fattore che limita il processo. Quando tale fattore viene gestito con successo, si verificherà un altro collo di bottiglia come vincolo.
Potrebbe interessarti anche: Innovazione: Che cos’è, e come possiamo distinguerla da Invenzione e Creatività.

Processo di pensiero

La teoria dei vincoli include anche un processo di pensiero in 5 fasi progettato per organizzare il processo di pensiero coinvolto nell’approccio a un collo di bottiglia e nel tentativo di risolvere il problema relativo al vincolo.

I cinque passaggi sono i seguenti:

  1. le persone coinvolte devono essere d’accordo sul problema. Cioè, devono essere tutti d’accordo su quale fattore è il collo di bottiglia;
  2. in secondo luogo, le persone coinvolte devono essere d’accordo su quale tipo di soluzione applicare. Questo potrebbe essere qualcosa come aumentare l’output della macchina numero tre nel processo di produzione;
  3. Il terzo passo consiste nel convincere tutti che la soluzione risolverà il problema. Cioè, la soluzione proposta è l’azione corretta per eliminare il collo di bottiglia in questione;
  4. Il quarto passo è guardare oltre le potenziali ramificazioni negative del processo.
  5. Il quinto passo consiste nel superare qualsiasi ostacolo all’attuazione della soluzione al problema.
Potrebbe interessarti anche: Come portare innovazione nella vostra organizzazione

Vantaggi: ci sono molti vantaggi nella teoria dei vincoli di Goldratt.

La teoria dei vincoli consente, ai manager coinvolti nel processo, di concentrarsi sui vincoli nel processo. È un modo per stimolare sforzi ed energie e focalizzare l’attenzione su un singolo aspetto del processo con l’intenzione di correggere un problema chiaro, per arrivare a una soluzione chiara.

L’organizzazione che adotta e implementa la teoria dei vincoli si impegnerà costantemente per il miglioramento dei processi. Questo è un modo per tenere conto dell’inerzia e del compiacimento, e molto probabilmente si tradurrà in operazioni che continuano ad essere più efficienti, più produttive e più redditizie nel tempo.

 

Se vuoi conoscere meglio la T.O.C. o valutare una consulenza o formazione su T.o.C. e innovazione, potete cantattarmi inviando una email all’indirizzo info@bloginnovazione.it, o compilando il form contatti di BlogInnovazione.it

Ercole Palmeri

CV Ercole Palmeri

Temporary Innovation Manager

Associato Leading Network

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

gantt-smartsheet
Metodi
Cos’è il metodo del percorso critico

Il Metodo del percorso critico (Critical Path Method) è una tecnica utilizzata per stimare la durata di un progetto analizzando quale sequenza di attività ha la minima quantità di flessibilità di pianificazione.   Il percorso critico è rappresentato dalla sequenza di attività per le quali non è ammesso nessun ritardo, …

anatra nemico alleato
Formazione
Se il tuo nemico diventa un alleato

Due anni fa, una classe quinta di un Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Luosi” di Mirandola (MO) mi chiamava “prof”. Per 8 mesi ho collaborato con la prof. di inglese come consulente per un laboratorio di comunicazione. “Chiamatemi pure Emanuela, non sono una docente”, ho replicato io al primo …

libri proposta commerciale
Metodi
Cosa vendo ai miei clienti ? Struttura dell’Offerta e proposta commerciale

Alcuni suggerimenti per una strutturazione di una semplice proposta commerciale, forecast, marginalità e i suoi risultati.   Confrontandomi con diverse realtà aziendali uno degli aspetti da monitorare è la struttura dell’offerta. Vorrei suggerire qui di seguito per quelle piccole e medie aziende che non usano strumenti particolari (si suppone che le …