Come fa il motore di ricerca Google a comprendere i testi ?

Digitale

Da alcuni anni Google ha messo a punto un algoritmo in grado di comprendere i testi. Per questo motivo, un aspetto fondamentale della specializzazione di uno specialista SEO o di un copywriter è la scrittura e leggibilità. Il testo deve soddisfare le esigenze degli utenti, incrementando anche la posizione nella SERP.

 
Siamo proprio sicuri che Google comprende il testo?

Sappiamo che Google comprende il testo, ma entro certi limiti. La cosa più importante è che Google riesca ad abbinare correttamente ciò che l’utente digita nella barra di ricerca, con il migliore risultato di ricerca. Per far questo Google non può fidarsi delle sole informazioni che l’utente mette a disposizione, cioè i meta dati.

Inoltre, sappiamo anche che è possibile classificare una frase che non si utilizza nel testo (sebbene sia comunque buona prassi identificare e utilizzare una o più frasi chiave specifiche). Quindi, Google fa qualcosa per leggere e valutare il testo contenuto in una pagina del tuo sito web.

 

Potrebbe interessarti ancheStrategia SEO ricerca vocale e il successo dei Personal Assistant
 
Qual è lo stato attuale?

Non si conosce il metodo usato da Google per comprendere i testi. Cioè le informazioni non sono disponibili in modo semplice e gratuito. Sappiamo anche, a giudicare dai risultati della ricerca, che c’è ancora molto lavoro da fare, per raggiungere un risultato ottimale. Ma ci sono alcuni indizi qua e là da cui possiamo trarre conclusioni interessanti.

Ad esempio sappiamo che Google ha compiuto grandi passi nella comprensione del contesto. Sappiamo anche che Google cerca di determinare in che modo parole e concetti sono correlati l’uno con l’altro.

 

Word Embeddings

Una tecnica interessante di cui Google ha depositato i brevetti e ha lavorato è chiamata Word Embedding, “Incontri di parole” o “Parole Correlate”. Sorvolando sui dettagli, l’obiettivo è fondamentalmente quello di scoprire quali parole sono strettamente correlate ad altre parole. Praticamente: un software prende una certa quantità di testo, le analizza e determina quali parole tendono ad essere insieme con maggiore frequenza, e trasforma ogni parola in una serie di numeri. In questo modo è possibile rappresentate le parole come un punto nello spazio in un diagramma, come un grafico a dispersione.

Il diagramma così ottenuto mostra quali parole sono correlate e in che modo. Più precisamente, mostra la distanza tra le parole, rappresentando una specie di galassia fatta di parole.

Quindi, per esempio, una parola come “parole chiave” sarebbe molto più vicina a “copywriting” invece che a “utensili da cucina”.

Questo procedimento, è possibile applicarlo sia alle parole che alle frasi e/o paragrafi.. Più grande è il set di dati che alimenta il ​​programma, meglio l’algoritmo sarà in grado di categorizzare e comprendere le parole, capire come sono utilizzate e cosa significano.

Praticamente, Google ha una banca dati comprensiva di tutta la rete. Quindi, con un insieme di informazioni di queste dimensioni, è possibile creare modelli affidabili, in grado di valutare il valore del testo e del contesto.

 

Entità correlate

Dalla correlazione di parole, facciamo un piccolo passo verso il concetto di entità correlate. Se proviamo a fare una ricerca, possiamo vedere quali sono le entità correlate. Digitando “tipi di pasta”, in cima alla SERP dovresti vedere “I Formati della Pasta”. Queste varietà di pasta dovrebbero risultare anche sottocategorizzate. Esistono molte SERP simili che riflettono il modo in cui le parole e i concetti sono correlati l’uno con l’altro.

Il brevetto relativo alle entità che Google ha archiviato menziona effettivamente il database degli indici relativi alle entità. Questo è un database in cui sono memorizzati concetti o entità, come la pasta. Queste entità hanno anche caratteristiche. La lasagna, per esempio, è una pasta. È fatto anche di pasta. Ed è un cibo. Ora, analizzando le caratteristiche delle entità, possono essere raggruppate e classificate in tutti i tipi di modi diversi. Ciò consente a Google di comprendere meglio come le parole sono correlate e, quindi, per comprendere meglio il contesto.

 

Conclusioni pratiche

Se Google comprende il contesto della pagina, sicuramente lo valuterà e ne giudicherà il contenuto. Migliore è la corrispondenza con la nozione di contesto di Google, migliori saranno le sue possibilità di essere in evidenza. Sarà necessario esprimere i concetti in modo esaustivo. In modo più ampio, esprimendo anche i concetti correlati.
Testi semplici, esprimendo chiaramente le relazioni tra i vari concetti, aiutano i tuoi lettori a comprendere meglio, e aiutano anche Google.

La scrittura difficile, incoerente e mal strutturata è più difficile da comprendere sia per gli esseri umani che per Google. Devi aiutare il motore di ricerca a comprendere i tuoi testi concentrandoti su:

  • Buona leggibilità, cioè rendere il tuo testo più facile da leggere possibile senza compromettere il tuo messaggio;
  • una Buona struttura, cioè aggiungendo sottotitoli e transizioni chiare;
  • un Buon contesto, cioè aggiungendo spiegazioni chiare che mostrano come ciò che stai dicendo si riferisce a ciò che è già noto su un argomento

Un buon risultato, aiuterà i tuoi lettori e Google a comprendere il tuo testo, e quindi tutti gli obiettivi che ti eri prefissato.

Soprattutto perché Google sembra cercare di creare un modello che imita il modo in cui noi umani elaboriamo il linguaggio e le informazioni.

E questo ci fa pensare che Google usa ancora le parole chiave, per abbinare la tua pagina a una query.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Droni Ennova by BlogInnovazione
Digitale
Droni e smart glasses: le nuove tecnologie al servizio delle TLC

Manutenere le infrastrutture di telecomunicazioni senza mettere in pericolo i tecnici. Offrire un modello innovativo di intervento a distanza sempre più completo ed efficiente. Questi sono gli obiettivi con cui Ennova ha rivoluzionato il mondo dell’assistenza tecnica alle TLC, grazie all’utilizzo di droni e smart glasses. Nata nel 2010 e …

Remote Collaboration HRC
Digitale
Cos’è la realtà aumentata, e come possiamo sviluppare App

Con uno Smartphone in mano puoi giocare con la realtà aumentata. Puoi scattare selfie con orecchie da coniglio e lingue multicolori a Pokémon Go. Da IKEA per vedere i mobili ambientati in casa propria. L’elenco potrebbe continuare: le app di realtà aumentata sono sempre più diffuse e non servono più …

Incontro Trieste MBA
Digitale
WEB REPUTATION E RICERCA DEL LAVORO: LA GRANDE SFIDA

Un tempo si temeva l’ascolto da remoto attraverso l’intercettazione ambientale o quella telefonica. Negli anni Novanta si fantasticava sulle sorti del pensiero distopico del grande fratello orwelliano divenuto così improvvisamente ingombrante con la realizzazione dell’apparato sorvegliante di Echelon. Tutti erano possibili bersagli ma nella massa, dietro l’ombra dei grandi numeri, …