L’importanza di essere i primi: Google testa controllo traffico droni

Google vuole controllare il traffico dei droni. Seguiamo la strategia dell’essere i primi e/o essere i più bravi in un nuovo mercato.

Il mercato dei droni fa gola a molti in silicon valley, un po’ meno nel vecchio continente. Google, ancora una volta, vuole essere in prima linea ma non solo, vuole essere anche il migliore player sin dall’inizio. Quindi si è mossa per testare un suo sistema di controllo del traffico aereo dei velivoli, senza pilota, in prove coordinate dalla Nasa e dall’ente americano per l’aviazione civile (Faa).

Google Controllo droni

Prima che migliaia di droni invadano i cieli per le consegne di pacchi c’è infatti bisogno di un sistema che ne controlli il traffico aereo, per assicurarsi che non avvengano collisioni. Il team di Google che lavora ai droni, Project Wing, ha messo a punto un suo sistema o lo ha testato al Virginia Tech dove la Faa ha creato un sito per testare dispositivi e tecnologie.

Nei test, riporta il sito Recode, il team di Google è riuscito a monitorare da un’unica piattaforma i percorsi di volo di più droni contemporaneamente, tre di Project Wing impegnati in consegne e due di altre compagnie che simulavano operazioni di ricerca e salvataggio. Grazie al software i droni riuscivano a controllarsi l’un l’altro senza l’intervento manuale di un operatore per evitare collisioni.

Esperimenti importanti visti gli sforzi non solo di Google ma anche di altre compagnie, Amazon in testa, per riuscire a lanciare servizi commerciali di consegne con i droni.

L’interessamento di Google al mercato dei droni, e di altri player americani, mi fa venire in mente una citazione del Prof. Romano Prodi: “le nuove caravelle della globalizzazione”. L’iNiña, l’ePinta e la Wikimaría. Il problema – dice Prodi – è che le caravelle, cioè le reti, sono tutte “americane o cinesi”

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Seguici e Condividi 🙂
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

malware bloginnovazione
Digitale
I Malware sono già all’opera per preparare gli attacchi del futuro

Diversi anni fa, una riuscita campagna di phishing ha portato all’infezione di varie reti aziendali tramite un malware dormiente…. Criticità  del 2019: “Il crimine informatico di massa sta crescendo“, ha dichiarato Guillaume Poupard, direttore generale dell’ANSSI in un’intervista a Liberation, nella quale ha ripercorso gli sviluppi nel 2019. Di fatto, il 2019 …

Cyber-trends-2020
Digitale
CyberSecurity 2020, le tendenze del nuovo anno: il Phishing

La CyberSecurity assume un ruolo sempre più importante nell’Informatica, vediamo la tendenza del phishing. Criticità del 2019: Nel 2019, la percentuale di phishing è aumentata nei principali vettori di attacco (secondo un rapporto di Microsoft, pubblicato alla fine dell’anno). Inoltre, “i metodi di phishing utilizzati aumentano il loro livello di sofisticazione“, con …

PSD2 ecommerce
Digitale
PSD2: cosa significa e cosa comporta la normativa per il tuo E-Commerce

Il 14 settembre 2019, è entrata in vigore la direttiva PSD2 sui servizi di pagamento, accettata dal Parlamento europeo nel 2018. Nasce così la PSD2, cioè la Payment Service Directive II La direttiva PSD2 riguarda il processo di pagamento nell’Unione europea. Ma cos’è il PSD2 ? come cambierà l’e-commerce ? …

Interessante BlogInnovazione ? Condividi :)