L’HYPERLOOP di Elon Musk, un progetto di 170 anni fa

Quando Elon Musk ha annunciato la sua “vision” per un sistema di trasporto capace di andare a velocità supersonica, timidamente ha sottolineato il suo potenziale, definendolo la “quinta modalità di trasporto” dopo strada, ferrovia , mare e aria.

Alimentato ad energia solare, e composto da un grande contenitore per passeggeri e merci inserito in un lungo tubo.  L’Hyperloop, che Elon sostiene essere un “incrocio tra un Concorde e un Railgun”, potrebbe fare il viaggio di 350 miglia tra Los Angeles e San Francisco in 35 minuti, secondo il progetto preliminare.Hyperloop

Questo però non è il primo progetto di un sistema di trasporto basato tubi a vuoto, ad aspirazione pneumatica, questa è un’idea che risale alla Gran Bretagna vittoriana.

Il primo progetto di “ferrovia pneumatica” è stato sviluppato dal leggendario ingegnere Isambard Kingdom Brunel, un vero e proprio Elon Musk dell’era vittoriana. Certo, non c’erano i pannelli solari e la velocità supersoniche non poteva essere neppure Hyperloopimmaginata, ma venne sviluppato un tratto di 20 miglia del binario di Brunel tra Exeter e Newton Abbot nel sud-ovest dell’Inghilterra con un tubo sottovuoto per spingere i treni ad una velocità massima di 70 miglia all’ora (medesima velocità dei migliori treni a vapore). Se guardiamo la velocità, non sembra molto diverso dai treni tradizionali, tranne che non vi era alcuna locomotiva a vapore, e inoltre non vi era il grande tubo in cui il treno viaggiava, ma un tubo piccolo nel centro della pista che forniva la propulsione. Il treno era collegato ad un pistone, che veniva aspirato lungo il condotto da un vuoto creato attraverso una serie di stazioni di pompaggio enormi lungo la pista. Erano treni senza conducente, c’era solo un frenatore. Il treno ha funzionato dal settembre 1847 fino a settembre dell’anno successivo, quando le difficoltà tecniche di funzionamento dei sistemi di aspirazione diventarono insormontabili, e il progetto fu abbandonato. Nella foto la ricostruzione del tubo di aspirazione.

Hyperloop
Ci sono diverse analogie tra il progetto di Bunel e l’Hyperloop,

dice Colin Divall, professore di studi ferroviari presso l’Università di York, ma naturalmente “ci sono anche delle differenze abbastanza significative”. Fondamentalmente, il tubo a vuoto è stata la forma di propulsione nella stazione di Brunel, mentre per Musk i baccelli/vagoni per i passeggeri sono all’interno del tubo, e il vuoto serve per ridurre la resistenza dell’aria. In realtà, un altro esperimento simile fu quello della ferrovia pneumatica Crystal Palace nel sud di Londra nel 1860, sembrava più simile alla moderna Hyperloop con enormi ventilatori che soffiano e aspirano vagoni lungo un tunnel a tenuta d’aria, ma la pista costruita fu poco più di un progetto concettuale.

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Droni Ennova by BlogInnovazione
Digitale
Droni e smart glasses: le nuove tecnologie al servizio delle TLC

Manutenere le infrastrutture di telecomunicazioni senza mettere in pericolo i tecnici. Offrire un modello innovativo di intervento a distanza sempre più completo ed efficiente. Questi sono gli obiettivi con cui Ennova ha rivoluzionato il mondo dell’assistenza tecnica alle TLC, grazie all’utilizzo di droni e smart glasses. Nata nel 2010 e …

L’HYPERLOOP di Elon Musk, un progetto di 170 anni fa
Osservazioni
Remote Collaboration Cos’è, alcuni esempi e tools

Il lavoro remoto, da casa o lontano dall’ufficio di un’azienda, sta guadagnando sempre più popolarità negli ultimi anni. Cos’è la collaborazione remota ? La collaborazione remota può essere definita come un processo che può essere utilizzato per eliminare i limiti della posizione geografica e sviluppare lo spirito di squadra tra …

L’HYPERLOOP di Elon Musk, un progetto di 170 anni fa
Digitale
Cos’è Omni-channel: il nuovo modello di vendita online e al dettaglio

Omni-channel è il modello di vendita al dettaglio in cui tutti i canali esistenti diventano completamente integrati, per offrire ai clienti un’esperienza di shopping senza soluzione di continuità. La gestione Omni-Channel è una vera e propria strategia di vendita al dettaglio, caratterizzata dal fatto che tutte le informazioni di vendita …

EnglishItalian