I 5 stili di Leadership: caratteristiche per gestire la leadership

Il tema della Leadership è molto vasto e complesso, tant’è che non esiste una definizione univoca del termine né un manuale per imparare a diventare leader.

Gli esperti sostengono che diventare leader dipenda da fattori personali (carattere, atteggiamento, personalità), oltre che competenze acquisite e fattori ambientali (la tipologia del lavoro, le caratteristiche del gruppo di lavoro e l’organizzazione del lavoro).

Le principali caratteristiche per gestire la leadership sono:

  • gestione dello stress
  • autocontrollo emotivo (capacità persuasive, empatia, persuasione)
  • integrità con i valori proclamati
  • fiducia in se stessi
  • competenze pratiche
  • abilità concettuali (analizzare, risolvere problemi, prendere decisioni)
  • abilità gestionali (programmare, delegare, supervisionare)

Featured Image -- 1530Avere questi doti, ovviamente non è sufficiente per garantire una buona leadership che dipenderà da molti altri fattori individuali e specifici dell’ambiente di lavoro. Ma tornano al tema principale di questo articolo, ecco i 5 stili di leader che possono crearsi:

  1. Autoritario. È il solo a prendere decisioni, senza sentire il parere del gruppo di lavoro e non fornisce spiegazioni delle sue scelte. Utile in caso di emergenza, intollerabile e pericoloso in un ambiente di professionisti.
  2. Democratico. Si caratterizza per apertura mentale, dà largo spazio al confronto, alla comunicazione e alle idee. Accetta critiche, delega i compiti e distribuisce le responsabilità. È il leader ideale in situazioni in cui si privilegia la coesione aziendale piuttosto che la produttività.
  3. Lassista. La sua presenza non si fa notare. Non fornisce regole e non supervisiona i compiti. Può funzionare solo in situazioni forti e consolidate.
  4. Transazionale. In questo caso il leader e i sottoposti si trovano in un rapporto di negoziazione, in cui i dipendenti sono incentivati a raggiungere un certo obiettivo perché riceveranno un incentivo economico o psicologico dal leader. Può funzionare solo per rapporti lavorativi brevi, in cui si lavora su standard e obiettivi precisi
  5. Trasformazionale. Il leader si pone come un modello da seguire e plasma i suoi collaboratori affinché sposino a pieno una causa e lavorino privilegiando il bene del team oltre gli interessi personali. È possibile solo se si lavora con persone disposte ad abbracciare a pieno una causa sentita.
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cosa-vuol-dire-sarti-seguire
Formazione
Cosa vuol dire farti seguire, in azienda…

Io ho imparato a guidare ai tempi in cui non esisteva il navigatore. E, per la verità, non esisteva nemmeno Google Maps! Andare a trovare i clienti era impresa ardua e bisognava affidarsi alle informazioni cartacee: piantine, cartine stradali e Tuttocittà. E quando un collega o un conoscente diceva: seguimi…ti …

gantt-smartsheet
Metodi
Cos’è il metodo del percorso critico

Il Metodo del percorso critico (Critical Path Method) è una tecnica utilizzata per stimare la durata di un progetto analizzando quale sequenza di attività ha la minima quantità di flessibilità di pianificazione.   Il percorso critico è rappresentato dalla sequenza di attività per le quali non è ammesso nessun ritardo, …

anatra nemico alleato
Formazione
Se il tuo nemico diventa un alleato

Due anni fa, una classe quinta di un Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Luosi” di Mirandola (MO) mi chiamava “prof”. Per 8 mesi ho collaborato con la prof. di inglese come consulente per un laboratorio di comunicazione. “Chiamatemi pure Emanuela, non sono una docente”, ho replicato io al primo …