YOUCAM MAKEUP: Design Thinking, realtà aumentata e il lungo viaggio

youcam
Metodi
2

L’Oréal e Perfect Corporation annunciano una partnership globale che integra le collezioni dei cosmetici di marchi L’Oréal di tutto il mondo con YouCam Makeup, la premiata App di bellezza basata sulla realtà aumentata.

La collaborazione offre a centinaia di milioni di amanti della bellezza l’opportunità di sperimentare virtualmente le collezioni dei marchi L’Oréal. Acquisire informazioni sui prodotti e fare acquisti attraverso l’App o presso i negozi. YouCam Makeup è lo strumento che permette di integrare il mondo online e quello offline in modo unico e innovativo, creando esperienze seamless per il consumatore.

YouCam

La partnership è iniziata con L’Oréal Paris e Yves Saint Laurent in Giappone, dove è stata fatta una prima fase di sperimentazione con la clientela. Il progetto pilota giapponese, ha aiutato a capire le fasi di scelta del prodotto, e sopratutto cosa realmente cerca di ottenere il cliente quando compra il prodotto di cosmesi. Cioè quale è il lavoro che il prodotto aiuta a svolgere, il famoso “job to be done” di Clayton Christensen.

E’ evidente che il progetto pilota ha dato una chiara conferma della doppia natura della piattaforma, cioè prodotti di cosmesi + Beauty personal advisor digitale. La dimensione utilitaristica, cioè funzionalità e performance, e i simboli, cioè identità e emozioni: in poche parole i significati. Ulteriore conferma che i significati dettano il successo dei prodotti da sempre.

Anche questo progetto ha confermato che le persone sono attratte da prodotti in grado di suggerire un significato, trasmettere uno stile, e allo stesso tempo lasciano spazio ampio di interpretazione.

“I prodotti di successo sono quelli insieme ai quali è possibile intraprendere un lungo viaggio.”

Creare un ottimo prodotto di cosmesi non è più sufficiente. Per differenziarsi dalla competizione, L’Oréal Paris ha sentito la necessità di adottare una strategia di innovazione radicale. Anche se è necessario sviluppare e adottare nuove tecnologie, ciò che si sta facendo è stato ridefinire radicalmente il significato dei prodotti. L’Oréal Paris sta reinventando il processo di acquisto, e la ragione per cui le donne comprano prodotti di cosmesi. Ottimi prodotti, aiutano ad essere più belle, ma sopratutto aiutano ad intraprendere un gran bel lungo viaggio.

 

YouCam

Perfect Corp. e YouCam Makeup

Perfect Corp. è l’azienda che ha creato App di bellezza di straordinario successo. In particolare la “super App” di makeover virtuale YouCam Makeup, YouCam Perfect – Selfie Camera, i filtri animati per selfie YouCam Fun, e l’artista della manicure portatile YouCam Nails.

Perfect Corp. è stata fondata con l’obiettivo di ideare un viaggio di bellezza interattivo che permettesse ai consumatori di scoprire, provare e acquistare prodotti di bellezza. 

 

Ercole Palmeri
Temporary Innovation Manager

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cosa-vuol-dire-sarti-seguire
Formazione
Cosa vuol dire farti seguire, in azienda…

Io ho imparato a guidare ai tempi in cui non esisteva il navigatore. E, per la verità, non esisteva nemmeno Google Maps! Andare a trovare i clienti era impresa ardua e bisognava affidarsi alle informazioni cartacee: piantine, cartine stradali e Tuttocittà. E quando un collega o un conoscente diceva: seguimi…ti …

gantt-smartsheet
Metodi
Cos’è il metodo del percorso critico

Il Metodo del percorso critico (Critical Path Method) è una tecnica utilizzata per stimare la durata di un progetto analizzando quale sequenza di attività ha la minima quantità di flessibilità di pianificazione.   Il percorso critico è rappresentato dalla sequenza di attività per le quali non è ammesso nessun ritardo, …

anatra nemico alleato
Formazione
Se il tuo nemico diventa un alleato

Due anni fa, una classe quinta di un Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Luosi” di Mirandola (MO) mi chiamava “prof”. Per 8 mesi ho collaborato con la prof. di inglese come consulente per un laboratorio di comunicazione. “Chiamatemi pure Emanuela, non sono una docente”, ho replicato io al primo …